Domenica, Dicembre 16, 2018

logo TG 2018 2019                                                                  logo a                     labaro

Rotary Club Potenza Torre Guevara 

Distretto 2120

 direttivo

Interact


 

R O T A R Y   I N T E R N A T I O N A L

DISTRETTO 2120° - ITALIA

CLUB POTENZA TORRE GUEVARA

Assemblea Costitutiva Interact Club Potenza Torre Guevara

                                                    VERBALE  di ASSEMBLEA

I signori Katia Francesca Scappatura (17aa), Marialaura Apostolo (17aa), Christian Mecca (16aa), Maurizio Pantone (17aa), Giuseppe Vinicio Scappatura (15aa), Raffaele Battiloro (17aa), Roberta Zuardi (16aa), Aurelia Marchese (15aa), Raffaele D'angelo (17aa), Emanuela Apostolo (13aa), alla presenza del Direttivo del Rotary Club Potenza Torre Guevara, si sono riuniti a Potenza presso il Grande Albergo, in Corso 18 agosto 46, alle ore  19.00

 Assume la Presidenza dell’Assemblea  Katia Francesca Scappatura  che chiede al Signor Maurizio Pantone il ruolo di Segretario verbalizzante.

La Presidente, con il parere favorevole dei convenuti, pone all’ordine del giorno dell’assemblea i seguenti punti:

 

  1. Approvazione Statuto Interact Club Potenza Torre Guevara;
  2. Approvazione Regolamento Interact Club Potenza Torre Guevara;
  3. Elezione  dei dirigenti del club.

La Presidente invita il Presidente del Rotary Club Potenza Torre Guevara, ad illustrare i contenuti del Statuto e del Regolamento posti all’ordine del giorno, rispettivamente ai punti 1 e 2. Il Presidente Luca Scappatura comunica preliminarmente che il Rotary Club Potenza Torre Guevara intende patrocinare e supervisionare il costituendo Interact Club avendo individuato nella sua socia Liliana Santoro il consulente Interact e passa, successivamente, ad illustrare i documenti di che trattasi.

La Presidente dichiara aperta la discussione per eventuali osservazioni e proposte. Sulla base degli interventi ed in esito alla discussione generale, l’Assemblea approva all’unanimità lo Statuto dell’Interct Club Potenza Torre Guevara ed il Regolamento, che costituisce parte integrante dello Statuto, nella formulazione riportata di seguito.

STATUTO DELL’INTERACT CLUB POTENZA TORRE GUEVARA

ART. 1 — Nome

Il nome di quest’organizzazione è Interact Club Potenza Torre Guevara

ART. 2 — Scopo e obiettivi

Lo scopo del programma Interact è di offrire ai giovani l’opportunità di partecipare a une rete internazionale di coetanei dediti alla promozione di valori e iniziative umanitarie.

Gli obiettivi del programma sono:

1. Individuare e promuovere lo sviluppo delle capacità di leadership.

2. Incoraggiare e promuovere il senso di responsabilità nei confronti del prossimo.

3. Educare ai valori della famiglia.

4. Inculcare il rispetto dei diritti altrui, fondato sul riconoscimento del valore di ciascun individuo.

5. Promuovere l’importanza della responsabilità individuale quale fondamento del successo personale e dell’impegno a favore della comunità.

6. Sviluppare talenti e abilità quali lo sviluppo individuale, la capacità di gestione del tempo e delle finanze personali.

7. Riconoscere la dignità e il valore di tutte le occupazioni quali opportunità per servire la società.

8. Promuovere la conoscenza e la comprensione degli affari locali, nazionali e internazionali.

9. Offrire opportunità di intervento individuale e di gruppo in favore della promozione di valori umanitari e pacifisti.

ART. 3 — Sponsorizzazione

1. Lo sponsor di questo club Interact è il Rotary Club Potenza Torre Guevara, il quale, mediante una commissione composta da almeno cinque rotariani, sovrintenderà a tutte le attività, i programmi e le iniziative del club sponsorizzato.

2. Il club sponsorizzato non è parte di quello rotariano sponsor, nei confronti del quale i suoi soci* non hanno diritto o privilegio alcuno.

ART. 4 — Affiliazione

1. I requisiti fondamentali di ammissione sono l’età, compresa fra i 12 e i 18 anni, e una personalità che riveli predisposizione all’impegno sociale e alla leadership. Inoltre, se il club ha base scolastica i soci devono essere iscritti a una scuola secondaria superiore, mentre nel caso di un club a base comunitaria questo non è necessario.

2. I soci possono essere tutti di sesso maschile, tutti di sesso femminile, oppure di entrambi i sessi a seconda di quanto ritenuto opportuno dal club sponsor.

3. Le procedure di ammissione saranno stabilite dal club rotariano sponsor, previa consultazione di quello sponsorizzato. Nel caso di un club a base scolastica, tali procedure dovranno essere approvate dalle autorità scolastiche interessate.

4. Tutti i soci dovranno partecipare ad almeno il 60% delle riunioni ordinarie del club.

5. L’affiliazione cesserà automaticamente se e quando: (a) il socio si trasferisce in un’altra comunità; (b) il club decide in tal senso; (c) il socio non soddisfa il suddetto requisito di assiduità senza esserne stato esonerato dal consiglio direttivo del club per ragioni valide e sufficienti.

6. Nel caso in cui l’affiliazione cessi per decisione del club, tale decisione dovrà essere sostenuta dal voto di almeno due terzi dei soci in perfetta regola.

ART. 5 — Riunioni

1. Il club si riunirà almeno due volte al mese, secondo quanto stabilito dal regolamento, a un’ora e in un luogo convenienti per i soci e che tengano conto dei loro impegni scolastici.

2. Il consiglio direttivo si riunirà quando stabilito dal regolamento. In un club a base comunitaria, le riunioni ordinarie e quelle del consiglio direttivo saranno considerate ufficiali solo se vi presenzierà un membro della commissione Interact del club rotariano sponsor. In un club a base scolastica, le riunioni del consiglio direttivo saranno considerate ufficiali solo se vi presenzierà un membro della commissione Interact del club rotariano sponsor.

3. Il consiglio direttivo, previa approvazione del club rotariano sponsor, può decidere di cancellare riunioni proprie o del club in caso di festività o periodi di vacanza.

ART. 6 — Dirigenti

1. Il club avrà un presidente, un vicepresidente, un segretario, un tesoriere, un prefetto ed altri dirigenti previsti dal regolamento.

2. Il corpo dirigente del club sarà un consiglio direttivo composto dal presidente, dal vicepresidente, dal segretario, dal tesoriere e dal prefetto e da altri membri, in numero stabilito dal club con l’approvazione del club rotariano sponsor e da eleggersi tra i soci in perfetta regola. Tutte le decisioni e le iniziative del club e del suo consiglio saranno soggette all’approvazione dal club rotariano sponsor e dovranno confermarsi ai provvedimenti contenuti nel presente statuto e a quelli stabiliti dal Rotary International.

Il consiglio direttivo sarà responsabile di tutti i dirigenti e le commissioni del club e potrà, per motivi validi, dichiarare qualsiasi posto vacante. Esso costituirà inoltre un comitato d’appello contro le decisioni dei dirigenti e le azioni delle commissioni.

3. Le elezioni dei dirigenti e dei membri del consiglio direttivo devono tenere in considerazione usi, costumi e procedure locali, ma in ogni caso dovranno semplicemente richiedere la maggioranza dei soci presenti e in perfetta regola.

Il mandato dei dirigenti e dei membri del consiglio direttivo durerà un anno, a meno che il regolamento non stabilisca un periodo inferiore e in tal caso la decisione dovrà essere approvata per iscritto dal Rotary International.

ART. 7 — Attività

1. Entro i limiti previsti al precedente art. 3, comma 1, il club sarà responsabile della pianificazione, organizzazione, sponsorizzazione e conduzione delle proprie attività, per le quali dovrà procurare i fondi, la manodopera e la creatività necessarie; nel caso di iniziative intraprese in collaborazione con altre organizzazioni, tali responsabilità saranno condivise.

2. Il club intraprenderà almeno due progetti all’anno, uno in favore della scuola o della comunità e l’altro finalizzato alla promozione dell’intesa fra i popoli. Ciascun progetto dovrà coinvolgere la totalità o la maggioranza dei soci del club.

3. L’azione internazionale, per un club Interact, ha lo scopo d’incoraggiare e promuovere l’intesa tra i popoli, la buona volontà e la pace mediante una rete mondiale di giovani uniti dall’ideale del servire. L’azione d’interesse pubblico ha invece quello d’incoraggiare e promuovere l’applicazione dell’ideale del servire alla vita personale, sociale e scolastica dei soci del club.

4. Il club è responsabile della raccolta dei fondi necessari a condurre le proprie attività e i propri programmi. Esso pertanto non accetterà che assistenza finanziaria occasionale e sporadica dal proprio sponsor rotariano, né solleciterà contributi da parte di individui, aziende od organizzazioni senza dare qualcosa di significativo in cambio.

ART. 8 — Commissioni

1. Il club dovrà avere le seguenti commissioni permanenti: comprensione internazionale, programmi, finanze, club e altre eventualmente ritenute necessarie all’amministrazione del club.

2. Il presidente, se lo ritiene necessario e con l’approvazione del consiglio direttivo, ha la facoltà di nominare commissioni speciali. Il mandato di tali commissioni durerà fino alla conclusione dei lavori per cui sono state istituite, o fino al termine del mandato di chi le ha istituite, a seconda di quale delle due circostanze si verifica prima.

ART. 9 — Quote sociali

Le quote sociali saranno nominali e finalizzate alla copertura delle spese amministrative del club. I fondi per le attività e le iniziative intraprese dal club saranno raccolti in maniera diversa e avranno una diversa provenienza.

10 — Accettazione dello statuto e del regolamento

I diritti e i privilegi derivanti dall’ammissione al club si basano sull’accettazione, da parte del socio, dei principi dell’Interact quali sono definiti dallo scopo e dagli obiettivi del programma, nonché sul suo impegno di rispettarne lo statuto e il regolamento. Nessun socio sarà sciolto da quest’ultimo obbligo semplicemente perché afferma di non averne ricevuto copia del documento in questione.

ART. 11 — Regolamento

Il club adotterà il “Regolamento tipo del club Interact”, insieme con eventuali emendamenti ritenuti necessari all’amministrazione del club, ammesso che tali emendamenti siano adottati in conformità con la procedura stabilita dal regolamento e non contraddicano o entrino in conflitto con il presente statuto.

ART. 12 — Emblema

L’emblema dell’Interact sarà conservato ad uso e beneficio esclusivo dei soci del club, che avranno il diritto di indossarlo o esporlo in maniera dignitosa e appropriata. Tale diritto durerà fino al momento in cui i soci lasceranno il club o fino allo scioglimento del club.

ART. 13 — Durata

Il club esisterà fintantoché continuerà a operare in conformità con i provvedimenti contenuti nel presente statuto e nelle norme stabilite dal Rotary International in relazione al programma, oppure fino al suo scioglimento:

a) da parte del club stesso;

b) da parte del club rotariano sponsor;

c) da parte del Rotary International, per violazione dei provvedimenti contenuti nel presente statuto o per altri motivi.

In caso di scioglimento, il club e i suoi soci rinunceranno a tutti i diritti e i privilegi connessi al nome e all’emblema Interact.

ART. 14 — Emendamenti

Il presente statuto può essere emendato solo per intervento del Consiglio Centrale (Board of Directors) del Rotary International, e tutti gli emendamenti al “Regolamento tipo del club Interact” adottati dal predetto Consiglio emenderanno automaticamente il presente statuto.

 

 

REGOLAMENTO DELL’INTERACT CLUB POTENZA TORRE GUEVARA

ART. I — Elezioni

1. Le elezioni per l’ufficio di presidente, vicepresidente, segretario, tesoriere e prefetto devono essere tenute annualmente prima del 30 settembre. Gli eletti dovranno entrare in carica il 15 ottobre.

2. La nomina dei dirigenti dev’essere effettuata in forma scritta o diretta. I candidati devono essere eletti attraverso una regolare assemblea successivamente all’espressione delle candidature. Il voto deve avvenire in forma anonima.

I candidati che ricevono la maggioranza dei voti da parte dei soci presenti devono essere eletti.

ART. II — Doveri dei Dirigenti

1. Presidente. Il presidente deve presiedere a tutte le riunioni regolari e speciali del club e del consiglio direttivo. Lui o lei deve, con l’approvazione del consiglio, nominare tutte le commissioni permanenti e speciali e, nel caso in cui si rendesse vacante una posizione nel consiglio direttivo, deve, con l’approvazione del consiglio, assegnare questa posizione con una nomina che duri fino alla successiva elezione regolare da parte del club.

2. Vicepresidente. Il vicepresidente deve succedere all’incarico di presidente nel caso di rimozione di quest’ultimo per una qualsivoglia ragione e, in assenza del presidente, deve presiedere a tutte le riunioni del club e del consiglio.

3. Segretario. Il segretario deve conservare tutti i documenti del club. Lui o lei deve conservare le minute di tutti gli incontri del club e del consiglio direttivo.

4. Tesoriere. Il tesoriere custodisce tutti i fondi del club, mantenendo i registri necessari, e depositando questi fondi in una banca approvata dal consiglio direttivo. Lui o lei deve effettuare gli esborsi sulla base di procedure determinate dal consiglio direttivo. Lui o lei deve relazionare sullo stato finanziario del club durante ogni incontro e deve mantenere tutti gli archivi disponibili per eventuali ispezioni da parte di qualunque socio del club.

5. Prefetto. Il prefetto sovraintende al rispetto delle   regole   fondamentali   del   Cerimoniale Rotariano,  nel corso degli eventi del club al fine di un loro corretto e sereno svolgimento.

6. Consiglio direttivo. Il consiglio direttivo dev’essere l’organo dirigente del club così come indicato nella costituzione. Deve effettuare un rapporto annuale al club per informare tutti i soci a proposito delle operazioni del club. Deve anche tenere non meno di un incontro mensile pianificato che dovrà essere aperto alla partecipazione di tutti i soci in regola con le quote. I soci presenti a queste riunioni apportano ad esse il loro contributo.

ART. III — Riunioni

1. Il club si riunirà almeno due volte al mese e il consiglio non meno di una volta al mese a un’ora e in un luogo convenienti per i soci.

2. Una maggioranza di soci in regola con le quote devono costituire un quorum durante ogni riunione regolare o straordinaria del club. Quattro soci del consiglio, di cui uno dev’essere il presidente o il vicepresidente, devono costituire un quorum ad ogni riunione del consiglio. Nessuna riunione del club o del consiglio può essere considerata ufficiale a meno che un membro del comitato Interact o del Rotary club sponsor siano ad essa presenti.

ART. V — Commissioni

1. Il presidente, con l’approvazione del consiglio direttivo, dovrà nominare le seguenti commissioni permanenti:

A. Comprensione Internazionale. Questa commissione sarà incaricata della pianificazione e della realizzazione di una comprensione internazionale tra i soci, nella scuola, nella comunità e in altri settori. Avrà il compito di iniziare e pianificare, ogni anno e con il coinvolgimento dei soci, almeno un’attività di rilievo nell’ambito cui è preposta.

B. Programmi. Questa commissione dovrà avere la responsabilità della realizzazione di almeno un grande progetto, non internazionale, capace di coinvolgere tutti o gran parte dei soci.

C. Finanze. Questa commissione dovrà trovare modi e mezzi per finanziare tutte le attività di club che richiedano un finanziamento in cooperazione con la commissione appropriata.

D. Club. Questa commissione dovrà essere responsabile per la partecipazione, effettivo, programmi, affiatamento, pubbliche relazioni ed altre situazioni affini che vengano ritenute appropriate.

2. Nessuna commissione deve agire o preparare progetti prima che i suoi piani siano stati approvati dalla maggioranza dei soci.

ART. VI — Emendamenti

1. Il presente regolamento può essere emendato solo per intervento da parte della maggioranza dei soci in regola con le quote

durante una riunione ordinaria o straordinaria del club in cui un quorum sia presente, premettendo che l’intenzione di voto

sia stata in precedenza comunicata, con un anticipo di almeno quattordici giorni, ad un incontro del club ove fosse presente

un quorum ed a condizione che tale emendamento sia anche approvato dal Rotary club sponsor.

2. Nulla in questo regolamento deve contravvenire allo statuto del club.

Compiuta la formale approvazione dei documenti precedentemente riportati, la Presidente passa al punto 3 dell’odg relativo alla nomina dei dirigenti del club: Presidente, Vicepresidente, Segretario, Tesoriere e Prefetto. I soci individuati i candidati,  esprimono il loro voto in forma anonima.

In esito alle operazioni di voto, che individuano i candidati che ricevono la maggioranza dei voti, risultano eletti:

Alle ore, esauriti  gli argomenti da discutere, l’ Assemblea viene sciolta.

Del che è verbale.

            Il Segretario                                                                                       Il Presidente            

In evidenza

Potenza, 22 giugno 2018

Nuovo Presidente del Rotary Club Potenza Torre Guevara.
L’ingegner Gianfranco Apostolo, dal 22 giugno è il nuovo presidente del Rotary Club Potenza Torre Guevara.

Esperto nel settore delle energie alternative e direzione aziendale, è fortemente impegnato nel sociale attraverso il Forum delle Famiglie di Basilicata e la Consulta regionale del laicato cattolico.

114 rivistaluglio2013 Pagina 01

 

Iscrizione Newsletter



Ricevi HTML?

News

Più forte la famiglia più forte la basilicatav4.0

Agenda del Club

Appuntamenti del mese: 

  • 8 novembre: Visita del Governatore; 
  • 10 novembre: Seminario Distrettuale - Rotary Foundation - Bari
  • 15 novembre: Convegno “Più forte la famiglia, più forte la Basilicata” organizzato insieme al Forum regionale delle Famiglie 
  • 22 novembre: Assemblea Annuale Elettiva dei soci; 
  • 24 settembre: Potenza Rotary per i Castelli
  • 29 novembre: direttivo di club allargato ai presidenti di commissione

Interact - Agenda del Club

 

Pubblicazionelogointeract

Giovedì 13 settembre ore 20.00, Grande Albergo - Potenza:

Passaggio delle consegne presidenziali Interact

Appuntamenti

Più forte la famiglia più forte la basilicatav4.0

ScreenShot563 

Le News del distretto 2120

ScreenShot025

La frase del mese

“Ecco la grande attrattiva del tempo moderno: penetrare nella più alta contemplazione e rimanere mescolati fra tutti, uomo accanto a uomo. Vorrei dire di più: perdersi nella folla, per informarla del divino, come s’inzuppa un frusto di pane nel vino. Vorrei dire di più: fatti partecipi dei disegni di Dio sull’umanità, segnare sulla folla ricami di luce e, nel contempo, dividere col prossimo...(Chiara Lubich)