Home

archimede lecceseArchimede Leccese
Past Presidente RC Potenza Ovest

 

La Basilicata e la Puglia, regioni nel cuore del Sud dell'Italia e per questo collocate al centro del Mediterraneo,sono coinvolte da importanti dinamiche migratorie tra il Nord Africa, il Medio Oriente ed il resto dell'Europa innescate da fenomeni sociali,politici,economici e culturali sempre più dirompenti. La debolezza delle infrastrutture urbane e territoriali ,un ciclo economico non favorevole pongono problemi nuovi al nostro paese per l'accoglienza e la autosufficienza di migliaia di migranti.

Tra questi quelli richiedenti asilo per motivi politici costituiscono una emergenza dolorosa. In Basilicata il nostro Club , con Villa D'Agri e Melfi ,è da tempo impegnato nel fornire assistenza professionale e materiali di supporto alla Fondazione Città della Pace che si occupa di accoglienza e protezione di emigrati e rifugiati provenienti da aree di guerra con particolare attenzione ai bambini ed ai loro congiunti più prossimi. Dopo aver supportato l'Attività Rotariana in altre parti del Mondo adesso è il momento di rafforzare la nostra presenza e la nostra azione proprio qui a due passi da casa. Gli scenari cambiano continuamente e noi dobbiamo essere pronti . Da sempre sostengo che il Programma GSE ( Group Study Exchange) , realizzato da Rotary International come scambio giovani tra clubs di tutti i paesi del Mondo, rimane uno dei punti di forza nell' accrescere le conoscenze tra popoli e favorire la comprensione e la pace. Solo da un approfondimento dei modelli di vita , di lavoro e di credenze religiose "all aroud the world" è possibile rafforzare legami e acquisire rispetto per tutti e tutto ciò che è diverso da noi.
Ancora una volta il Rotary ha anticipato i tempi riconoscendo nello scambio, nella "migrazione assistita " un efficace strumento in favore della Pace. Il 27 novembre si è svolto a Potenza nei locali dell'Università un interessante incontro che ci ha visto protagonisti, con numerose Associazioni , sul tema della migrazione e sulle azioni utili per rendere il fenomeno sostenibile e per favorire una reale integrazione dei migranti. Una novità è emersa subito : definire "ospiti " e non stranieri in transito le migliaia di persone in cerca di futuro. Questo indica un atteggiamento culturale nuovo che dobbiamo aiutare a diffondere. Un altro tema ,approfondito nel dibattito ,ha evidenziato la necessità di costituire una rete territoriale per l'accoglienza in grado di risolvere i problemi con l'apporto di tutte le Associazioni, ognuna secondo le proprie specificità , per non disperdere energie ed esperienze. Anche qui il Rotary c'è ed è impegnato non solo nella raccolta fondi ma anche nel supporto professionale e nell'attività formativa e divulgativa .Con naturalezza e spontaneità abbiamo incrociato sguardi ,sorrisi,qualche scambio di battute in inglese ed un simpatico italiano appreso sul campo, con i nostri Ospiti.La serata si è conclusa con la consapevolezza di aver allargato il nostro orizzonte esistenziale e la certezza di poter dare una casa a molti in ogni angolo di Mondo.
Quando siamo risaliti in automobile con Giovanna la strada ci e' apparsa stranamente sconosciuta e ci siamo detti: " Chissà quante occasioni abbiamo perso di dare noi stessi solo per paura degli altri" . No cara Giovanna abbiamo guadagnato tanti nuovi amici ed ora siamo pronti per la prossima opportunità che certo non ci lasceremo sfuggire .